Crescere e sovrabbondare nell’amore

Festa degli anniversari di matrimonio

“La famiglia è una grande palestra di allenamento al dono ed al perdono reciproco senza il quale nessun amore può durare a lungo”. Sulla scia di queste parole pronunciate da Papa Francesco nell’udienza generale del 4 novembre scorso, la nostra comunità parrocchiale ha desiderato, come ormai tradizione, celebrare la festa degli anniversari di matrimonio nella Santa Messa delle ore 10,00 di domenica 29 Novembre che ha visto la partecipazione di numerose coppie.

Durante la celebrazione eucaristica don Gilberto ci ha ricordato ed invitato ad interiorizzare il fondamentale messaggio che proveniva dalla liturgia della Parola ed in particolare dalla prima lettera di San Paolo apostolo ai Tessalonicesi: il Signore vi faccia crescere e sovrabbondare nell’amore fra voi e verso tutti.
Poi tutte le coppie presenti hanno accolto la preghiera di ringraziamento e di rinnovo delle promesse matrimoniali.
Al termine della celebrazione, nei locali dell’Auditorium, abbiamo vissuto un altrettanto momento di convivialità fraterna e familiare arricchita da una intensa riflessione sulla figura dei coniugi Luigi Beltrame Quattrocchi e Maria Corsini vissuti a Roma nella prima metà del XX secolo e dichiarati beati da San Giovanni Paolo II il 21 Ottobre 2001. Una famiglia aperta alla vita: generarono quattro figli di cui due sacerdoti, una suora ed una consacrata laica, Enrichetta (morta nel 2014 all’età di 98 anni). Ascoltando una sua testimonianza-video abbiamo appreso che la loro era una famiglia ordinaria, dove regnava l’armonia. Un’armonia che riusciva a superare anche le piccole discussioni familiari e ciò perché il dialogo costituiva la trama e l’ordito del profondo legame familiare.
Luigi e Maria non hanno fondato congregazioni, non sono partiti missionari per terre lontane ma hanno cercato di vivere nella quotidianità quel cammino di santità che ogni coppia cristiana, che ogni famiglia cristiana è chiamata a percorrere dal momento stesso in cui davanti al Signore ha pronunciato il proprio “sì” per tutta la vita.

fam2 fam1La convivialità, i reciproci saluti, l’attento ascolto del messaggio che emergeva dalla vita dei coniugi beati Luigi e Maria hanno certamente trasmesso il desiderio di vivere in maggiore profondità il proprio essere famiglia cristiana così come ricordò, sempre San Giovanni Paolo II, durante l’omelia per la beatificazione di questi due sposi: “Come ogni cammino di santificazione, anche il vostro, cari sposi, non è facile. Ogni giorno voi affrontate difficoltà e prove per essere fedeli alla vostra vocazione, per coltivare l’armonia coniugale e familiare, per assolvere alla missione di genitori e per partecipare alla vita sociale”.

Giovanni Rosa