Una porta da leggere

Pensando ad un possibile titolo da dare a questo articolo, mi è venuta alla mente la funzione che i portali delle grandi chiese medievali avevano per quanti, pellegrini o fedeli comuni, vi giungevano e si accingevano a varcarne la soglia: il portale è più di un varco, è più del luogo materiale ai cui cardini sono appese porte, lignee o metalliche che siano, più o meno artistiche. Il portale è un luogo presso il quale si sosta prima di attraversarlo, prima di spingere un battente per accedere alla chiesa. Un portale è il luogo presso si richiede una sosta e, con un atto umanissimo – quello del guardare – si osservano, possibilmente con calma, gli elementi, le decorazioni, le forme, i colori e le geometrie. Si tratta di un vero “atto di lettura”!

Continua a leggere Una porta da leggere

Beato te! … Cercatori di gioia sulla via delle Beatitudini

Intorno ai vent’anni un giovane entra in un’esperienza più piena e più matura della vita: vede davanti a sé nuove strade che si aprono. Gli studi e il lavoro, le relazioni affettive e le prospettive sociali e politiche del suo tempo gli impongono sintesi nuove e nuove scelte. Di fronte alle responsabilità un giovane si interroga in una maniera più autentica anche sulla verità della fede; si trova di fronte ad una nuova verifica tra grazia e libertà, intuizioni spirituali e discernimento culturale. È necessario percorrere in maniera più libera le strade che gli consentano di aprirsi ad accogliere il mistero di Cristo. La comunità cristiana è chiamata ad una rinnovata accoglienza di fronte ai giovani, tenendo conto della loro situazione a volte incerta e dubbiosa. Continua a leggere Beato te! … Cercatori di gioia sulla via delle Beatitudini